Salviamoci nel 2012
 
Attività solare Problemi climatici Attività geodinamica Archeologia Altro
Home Articoli Notizie e Forum Chi siamo Note giuridiche Ultimi articoli pubblicati

Archeologia

TAG: archeologia, miti, notizie storiche

 

le piramidi di giza

 

 

La domanda che spesso ci viene da porci e se possiamo fidarci di quanto trasmesso dalle antiche civiltà.

In primo luogo, i loro racconti e le loro profezie non le dobbiamo considerare come il retaggio primitivo di una comunità tribale. Questo è un modo comune nel pensare dell’età contemporanea, poiché riteniamo che tutte le culture prima della nostra siano tutte da considerare primitive.

Invece, dobbiamo ascoltare con attenzione quello che gli antichi hanno da dirci. Loro basavano le loro osservazioni su una tradizione forse molto più antica di loro e forse sapevano a quel tempo qualcosa che noi abbiamo perso nell'evoluzione verso l’attuale società.

Perciò, quando parlano di cataclismi, non dobbiamo scartare l’ipotesi che parlino di eventi fisici reali e di qualcosa su cui vogliono attirare la nostra attenzione come eredi della loro conoscenza.

Possiamo imparare molto dalle antiche civiltà e reintrodurre la loro saggezza  e soprattutto la loro spiritualità nel nostro mondo.

In secondo luogo, non è difficile distinguere la verità dal mito, presente tra le righe dei loro racconti. Basta avere la mente aperta e non offuscata da una richiesta di eccessiva, immediata e brutale concretezza come siamo oggi abituati nel nostro vivere post-moderno.

 

by Pablito 15/11/2009

 

 


Clicca sul capitolo scritto in grassetto che più vi interessa


 


 

Le catastrofi cicliche nella storia

 


 

Il Codice di Dresda

 


 

La scoperta che rivoluzionerebbe la storia dell’umanità: l’origine comune di tutte le antiche civiltà

 


 

I petroglifi in Alaska 

 


 

Una frequenza ultrasonica costante sembra essere emessa dai vertici delle piramidi bosniache

 

Nuove notizie continuano a giungere dalla Bosnia dal sito archeologico delle piramidi.
Nonostante lo zoccolo duro di archeologi scettici che dovrebbero rivedere tutti i loro dogmi, continuano a filtrare dal 2005 un sempre maggior numero di prove ed interessanti novità.
Ho scelto questa, che appare sicuramente la più originale e che potrebbe aprire nuovi interessanti scenari sulla storia passata dell’uomo e sulla possibilità di un uso totalmente diverso da sepoltura per inconsistenti quanto sconosciuti sovrani delle piramidi.

By Pablito - Inserito il 20 maggio 2010

 


 

Verso le piramidi di Bosnia (prima parte) – Il viaggio dall’Italia

 

Molti hanno sentito parlare delle piramidi ritrovate in Bosnia.
Alcuni, spesso proprio tra gli accademici, senza averle mai viste, hanno dichiarato trattarsi di un ben congeniato falso. Altri invece ritengono che siano reperti reali che possono cambiare la storia dell’Umanità.
Come un novello Indiana Jones, deciso a risolvere il dilemma. ho voluto vedere di persona quanto c’è di vero nelle scoperte raccontate ed ho organizzato rapidamente un viaggio per Visoko, sede delle piramidi. Questa è la descrizione del viaggio per chi abbia voglia di affrontarlo con le stesse modalità.

Paolo Debertolis - 13 luglio 2010

 


 

Verso le piramidi di Bosnia (seconda parte) – Le gallerie scavate sotto le piramidi

 

Dopo i numerosi chilometri ed il primo approccio alla Repubblica di Bosnia-Erzegovina è il momento di iniziare a vedere cosa nascondono le piramidi.
Eseguito il pernottamento a Zenica che si trova a 30 km dalle piramidi siamo freschi e riposati e pronti ad affrontarle.
Iniziamo dalla parte che ci ha più colpito: i tunnel nelle vicinanze della Piramide del Sole.
Paolo Debertolis - 14 luglio 2010

 


 

Verso le piramidi di Bosnia (terza parte) – La Piramide del Sole

 

Siamo giunti al piatto forte della visita, lì da dove è nato tutto il progetto: la Piramide del Sole.

Un tempo semplicemente denominata “collina di Visocica” è realmente una collina di origine naturale che domina l’antica città di Visoko, ma poi rimodellata da mano umana e trasformata in una piramide. E questo spiega la sua fenomenale altezza, 220 metri, che la rendono la piramide più alta del mondo. Ma poi la natura ne ha ripreso possesso ricoprendola di pascoli e splendidi boschi.

A questo punto la visita riserva numerose sorprese.

Paolo Debertolis - 16 luglio 2010

 


 

Verso le piramidi di Bosnia (quarta parte) – La Piramide della Luna ed il Tumulo di Vratnica

 

Siamo ora alle ultime pagine del tour, forse le più controverse. La parte della nostra visita effettuata con maggior velocità e superficialità. Complice l’aggiunta di un piccolo gruppo di turisti locali che attirati dalle spiegazioni di Haris si appiccicano a noi e non si scollano più, rallentando e riducendo i siti visitabili.

Da visita archeologica approfondita la nostra esplorazione si trasforma in gita aziendale.

Paolo Debertolis - 16 luglio 2010

 


 

Verso le piramidi di Bosnia (quinta ed ultima parte) – Epilogo e conclusioni

 

Dalla Valle delle Piramidi ripariamo temporaneamente a Sarajevo. Ma in questa città tira una brutta aria: non è più la tollerante città di prima della guerra. Respiriamo tensione e separazione etnica. Vediamo moschee di vetro appena costruite in mezzo a palazzoni in stile Unione Sovietica con ancora i fori dei proiettili sulle facciate. Centri commerciali ipersviluppati supermoderni ed edifici sbrecciati. Splendide magioni in stile austro-ungarico o liberty e ampie strade da realismo socialista.
Una città ancora ferita, ma è logico dopo 4 anni d’assedio e 12.000 morti.
“Vorremmo una birra” chiediamo “Qui l’alcool non lo serviamo” ci rispondono “Andate pure da un’altra parte”. Poi capiamo di essere nella parte mussulmana della città.
Allora decidiamo di ritornare immediatamente alle piramidi.

Paolo Debertolis - 28 luglio 2010

 


 

Ultimi aggiornamenti di agosto 2010 sulle Piramidi di Bosnia

 

Ultime notizie sulle novità nella Valle delle Piramidi sopraggiunte dopo il termine del mio primo viaggio di luglio 2010.

In primo luogo si è ricominciato a scavare sulla Piramide della Luna, grazie alle nuove autorizzazioni ottenute.

In secondo luogo è stato scoperto un lago sotterraneo nel tunnel di Ravne ed una camera principale di 50 metri quadrati e 4 metri di altezza in cui si aprono ben otto tunnel secondari. Più si va avanti negli scavi e più i tunnel stanno prendendo la forma di un vero e proprio labirinto.

Paolo Debertolis - 2 e 14 agosto 2010

 


 

Ma cosa sta succedendo improvvisamente nella Valle delle Piramidi di Bosnia?

Coloro che mi seguono da tempo su questo sito si staranno domandando piuttosto cosa sta succedendo a me e se quanto di quello sto per descrivere c’entra qualcosa con quanto avverrà nel nostro prossimo futuro e con lo spirito di questo sito.

Non posso svelarvi ancora la conclusione, sarebbe troppo prematuro, ma per ora accontentiamoci di un approccio diverso al problema delle piramidi di Bosnia. Un punto di vista sicuramente molto più approfondito, perché investe in realtà globalmente tutti gli argomenti che noi trattiamo normalmente.

Questo è il primo di alcuni articoli che sto scrivendo sul posto e che sono riuscito, molto fortunosamente peraltro, a far arrivare a destinazione.

Paolo Debertolis - 19 agosto 2010

 


 

November 2010 Report on the Bosnian Pyramids – Ravne’s tunnels (First Part)

We wrote this last report while we were still in Bosnia below those typical asymmetrical pyramids depicting Visoko’s Civilisation.

The past few days have been very intense, tirelessly working on measurements and sample collection. Yet, every time I come here, a new mistery turns out, i.e. stones exploding because of heat, natural radioactivity existing in the tunnel below the pyramid, with a modulation originating from some sort of flow coming from the Sun Pyramid, the so called Ravne tunnels.

Paolo Debertolis, Valeria Hocza - 4th november 2010.

 

 

Rapporto di Novembre 2010 sui Tunnel di Ravne - Approccio preliminare di studio

 

Questo ultimo rapporto è stato scritto mentre eravamo ancora in Bosnia all’ombra di quelle caratteristiche piramidi asimmetriche che caratterizzano la Civiltà di Visoko.

Questi giorni sono stati molto intensi, senza un attimo di tregua tra misurazioni e raccolta di campioni. Ma ogni volta che arrivo da queste parti salta fuori sempre qualche nuovo mistero da dirimere. Si va dalle pietre che esplodono al calore, alla radioattività naturale presente nei tunnel sotto la piramide, che risulta modulata da un flusso di qualche tipo proveniente dalla Piramide del Sole. Ma ciò che mi ha colpito di più sono le conseguenze nell’evoluzione delle teorie su come sono stati costruiti i tunnel sotto la Piramide del Sole, i cosiddetti tunnel di Ravne.

Paolo Debertolis - 4 novembre 2010.

 


 

November 2010 Report on the Bosnian Pyramids – Ravne’s tunnels (Second Part)

One of Ravne’s tunnels greatest mysteries is the reason why they have been sealed with earth along their entire structure, with dry-stone walls placed at every side entrance.

Furthermore it must be noted that the tunnels’ entire structure has been planned and built around the megalyths. Possibly, therefore, megalyths and tunnels could have been conceived by two different civilizations or by the same population in two different eras. Certainly the tunnels’seal has been done later, maybe by a different population who came along at a later time.

Paolo Debertolis, Valeria Hocza - 16th november 2010.

 

 

Rapporto di Novembre 2010 sui Tunnel di Ravne - Teorie sui manufatti e le strutture

 

Uno tra i più grandi misteri che riguardano i tunnel di Ravne è perché qualcuno ha deciso di sigillarli con terra per la loro intera lunghezza, con in più dei muretti a secco posti ad ogni ingresso di una diramazione laterale.

Inoltre quello che sta balzando sempre più in evidenza è che l’intera struttura contenente i tunnel è stata pensata e costruita attorno ai megaliti.  Quindi è possibile che i megaliti e i tunnel possano essere stati concepiti anche da due civiltà diverse, oppure dalla stessa civiltà in momenti diversi.

Sicuramente, però, la sigillatura dei tunnel è da attribuire ad un’epoca successiva.

Paolo Debertolis, Valeria Hocza - 16 novembre 2010

 


 

November 2010 Report on the Bosnian Pyramids – Ravne’s tunnels (Third Part)

After plumbing the depths of Ravne’s tunnels and their connections to a technologically advanced population, we believed we had to evaluate possibile dangers that could be still existing in this structure, and that required its sealing. Has this structure been sealed because there has been a radioactive escape or because of other dangerous materials? Is there still a danger for workers and for those who are trying to unveil its secrets?

Therefore we wanted to start analysing ionizing radiations existing inside this labyrinth. In October 2010 the Veterinary Department of the University of Sarajevo carried out an analysis, but then we did one too in November 2010. Results were not overlapping and they somehow contrasted those obtained by the ones preceding us.

Paolo Debertolis, Valeria Hocza - 20th november 2010.

 

 

Rapporto di novembre 2010 sui tunnel di Ravne - Le misurazioni iniziali

 

Dopo aver scandagliato i misteri che riguardano i tunnel di Ravne e la loro relazione con una civiltà tecnologicamente avanzata ci è sembrato opportuno valutare anche le possibili pericolosità ancora insite in questa struttura che potrebbero aver richiesto la sua sigillatura.

Questa struttura è stata sigillata forse perché c’è stata una fuga radioattiva o di altro materiale pericoloso? C’è ancora pericolo per gli operatori e per chi cerca di svelarne i segreti?

Si è voluto pertanto cominciare ad analizzare le radiazioni ionizzanti presenti in questo labirinto. Nell’ottobre 2010 c’è stata l’analisi svolta da parte della Facoltà di Veterinaria dell’Università di Sarajevo. Poi siamo arrivati noi nel novembre 2010, ma con risultati non del tutto sovrapponibili e per alcuni versi contrastanti rispetto a chi ci ha preceduto.

Paolo Debertolis, Valeria Hocza - 20 novembre 2010

 


 

Ricognizione aerea sulle piramidi di Bosnia – La Piramide del Sole

 

Molti hanno difficoltà a capire come sono fatte le principali piramidi della Civiltà di Visoko. Nell’opinione comune tutti si aspettano figure geometriche precise, più o meno come la Piramide di Cheope in Egitto o le piramidi di Teotihuacan in Messico.

Ma il primo concetto che deve essere capito è che le piramidi di Visoko sono diverse da tutte le altre ed anche il fatto che circolino più o meno sempre le stesse fotografie, riprese dalle stesse angolazioni più favorevoli per trovare un parallelo con le piramidi più conosciute, non aiuta di sicuro chi cerca di cogliere al meglio la loro essenza. Pertanto abbiamo noleggiato un piccolo aeroplano per eseguire una ricognizione dal cielo di queste straordinarie strutture. Ciò ci aiuterà meglio a capire il loro disegno. Cominciamo ad esaminare la più grande, ossia la Piramide del Sole.

Paolo Debertolis - 4 settembre 2010.

 


 

Ricognizione aerea sulle piramidi di Bosnia – La Piramide della Luna

 

Riprendiamo la nostra ricognizione dal cielo sulle Piramidi Bosniache per cercare di comprendere la loro morfologia.

Anche per la Piramide della Luna, come per la Piramide del Sole, si è sempre cercato di favorire l’equivoco a scopo turistico che si trattasse di una piramide con forma regolare simile alle piramidi egiziane o mesoamericane.

È bene chiarire subito che la Piramide della Luna non è proprio una piramide, ma può ricordare alla lontana piuttosto uno ziggurat mesopotamico, peraltro addossato nella sua porzione posteriore alle colline retrostanti.

Riprendiamo il nostro Cessna 172 per esaminare meglio in volo questa magnificenza. Paolo Debertolis - 22 ottobre 2010.

 


 

 

Rapporto di Novembre 2010 sulle Piramidi di Bosnia – La Piramide del Sole

 

Molti lettori si domandano se dopo il cambio al vertice del Ministro della Cultura nel Governo Bosniaco vi sia ora una maggiore attenzione nei confronti del progetto piramidi portato avanti dalla Fondazione Bosniaca della Piramide del Sole. Possiamo subito dire che l’Associazione Europea degli Archeologi (EEA) non è più riuscita ad agire come gruppo di pressione sulle istituzioni bosniache per continuare a frenare il progetto. Ma qual’è il punto della situazione degli scavi?
Abbiamo deciso di dare un’occhiata a come sono messi i siti dove sono stati eseguiti gli scavi e come si preparano ad affrontare questo prossimo rigido inverno.

Paolo Debertolis - 30 novembre 2010

 


 

Le nuove vie di accesso sotto le Piramidi di Bosnia - Rapporto preliminare di Dicembre 2010

 

 

Riassunto - Molti lettori sanno che celebri geologi e archeologi hanno messo in dubbio l’artificialità delle Piramidi della valle di Visoko e addirittura anche la presenza di una civiltà anticamente presente in questi luoghi e soprattutto di un livello tecnologicamente elevato. Ma, man mano che si procede negli scavi, viene sempre più alla luce la presenza di un enorme labirinto sotterraneo antichissimo sempre più elaborato e sofisticato. Così dopo le ultime notizie giunteci telefonicamente dai tunnel di Ravne abbiamo organizzato molto rapidamente una nuova spedizione scientifica congiunta dell’Università di Trieste e di Milano in collaborazione con la Fondazione che cura gli scavi. Ciò che abbiamo visto questa volta è stato ancora più stupefacente delle volte precedenti e abbiamo deciso di pubblicarlo immediatamente, ma siamo solo ancora all’inizio…

Sb Research Group - 12 Dicembre 2010

 

 

 

The new access routes below the Bosnian Pyramids - December 2010 Preliminary Report

 

Abstract - Many readers know that famous geologists and archeologists doubted the artificial origin of the Pyramids in the Visoko Valley and even the presence of an ancient civilization in these areas, particularly with an advanced level of technology. Yet, as excavations proceed, a very ancient, increasingly complex and sophisticated underground maze is emerging. Therefore, after telephone news coming from the Ravne tunnels, we rapidly organized a new joint scientific expedition of the University of Trieste and Milan, in collaboration with the Foundation which is managing the excavations. What we discovered this time is even more amazing than previous expeditions so we decided to publish it immediately. But it’s just the beginning.

SB Research Group - 12 December 2010

 

 

 


Torna a Articoli o a Home o a Ultimi articoli pubblicati, oppure Archeologia